Sonno e alimentazione: problemi e soluzioni

sonno e alimentazione

Sonno e alimentazione sono due elementi collegati da un legame piĂą profondo di quanto pensiamo e che, insieme, possono influenzare notevolmente il nostro stile di vita.

In questo articolo la Dott. Benedetta Capozucca ci spiega questo collegamento e come l’osteopatia può aiutarci a migliorare la qualità del sonno.

 

Sonno e alimentazione: cose da sapere

Il legame tra sonno e alimentazione è noto e documentato. 

Quante volte ti è capitato di sentirti, come nella pubblicità del digestivo, con un cinghiale sullo stomaco nel bel mezzo del sonno?

E, il giorno dopo, di sentirti irritabile e senza energie per non aver riposato bene?

Ebbene sì: quel fastidioso peso nasce da una cattiva digestione, che non sempre dipende dall’aver mangiato troppo o male.

Secondo la medicina cinese, ogni organo ha una propria stagione e un certo orario di attività durante la giornata. Il fegato, uno degli organi che si occupa della digestione, ha la sua maggiore attività tra l’1 e le 3 di notte: è proprio questo l’orario in cui ci spesso ci svegliamo infastiditi, con la bocca amara e con il bisogno di bere. 

Questa situazione può capitare a volte quando mangiamo più del solito, ma se capita regolarmente può essere segnale di qualcosa che non va. Ci sono infatti altre cause che possono appesantire il nostro fegato.

 

Le possibili cause di una cattiva digestione

Primo tra tutti lo STRESS. Il fegato è un accumulatore di emozioni, in particolar modo viene sollecitato da stress e rabbia. Cerchiamo quindi di lasciar andare le emozioni negative, magari anche facendo pratiche rilassanti o meditative.

Poi la CATTIVA ALIMENTAZIONE. Nel corso degli anni, noi italiani abbiamo acquisito determinate abitudini alimentari che non sono adatte per tutti. Tralasciando l’utilizzo del cosiddetto “junk food”, fare una cena a base esclusivamente proteica è sbagliato. Dobbiamo infatti ricordare che le proteine sono molto più difficili da digerire rispetto ai carboidrati; inoltre, questi ultimi contengono il triptofano che è un precursore della serotonina e aiuta a dormire meglio.

Infine, la REGOLAZIONE ORMONALE. Il fegato è l’organo centrale del nostro metabolismo e si occupa anche della depurazione e dell’equilibrio ormonale del nostro organismo. Quindi avere un quadro ormonale dis-regolato può portare ad un peggioramento delle sue funzionalità e viceversa.

Cosa può fare l’osteopata in tutto ciò?

Attraverso i trattamenti si può migliorare la motilità del fegato aiutandolo ad eliminare le tossine in eccesso.

Se cerchi qualche spunto o qualche idea, ti invito a unirti al Fresh Club! Scarica la nostra App e scopri ogni giorno un nuovo modo di mangiare sano! 

Seguimi su Instagram e Facebook.

SHARE THIS ON: